Alimentazione

Svezzamento: 5 ricette per le prime pappe

on
24 Gennaio 2019

Svezzamento: 5 ricette per le prime pappe. Alle prese con lo svezzamento,soprattutto all’inizio, capita spesso di chiedersi, se stiamo facendo bene, se le pappe che prepareremo incontreranno il gusto del nostro bambino e se darà il giusto apporto di vitamine proteine e nutrimento.

Vediamo insieme alcune ricette che potremo sperimentare per deliziare i nostri piccoli con delle pappe:

1. Per le primissime pappe per lo svezzamento possiamo usare una ricetta molto semplice e che sia soprattutto leggere e digeribile per bimbi dai 4-6 mesi e che generalmente non da problemi con allergie o intolleranze. Brodo vegetale preparato con zucchine e carote rigorosamente senza sale, nel brodo (togliendo le verdure) possiamo poi aggiungere crema di riso o mais e tapioca, che sono prive di glutine e una consistenza facile da deglutire e dato il sapore dolciastro può aiutare il bambino a familiarizzare con il cucchiaio.

Aggiungere un filo di olio a crudo e una spolverata di parmigiano.

2. Potremmo aggiungere delle proteine per esempio al solito brodo vegetale con le creme di riso o di cereali che preferiamo possiamo aggiungere un cucchiaio di robiola o il formaggino, olio a crudo e una spolverata di parmigiano.

3. Una ricetta per lo svezzamento con la carne. È preferibile scegliere un taglio di carne come girello o filetto di vitella o petto di pollo ( magari da un macellaio di fiducia) e lasciarlo bollire con le verdure. Per i primi tempi possiamo utilizzare solo il brodo, poi con l’aiuto di un omogeneizzatore possiamo utilizzare anche la carne per renderla della giusta consistenza.

4. Solitamente come primo tipo di pesce da inserire viene consigliata la sogliola dato il sapore delicato, possiamo cuocerla a parte e poi aggiungerla al brodo vegetale e creme di cereali che preferiamo. Basterà usare una forchetta per ridurla della giusta consistenza, stando attente a togliere minuziosamente tutte le spine. Se vogliamo essere più sicure, o lo riteniamo necessario, possiamo anche passarla brevemente nell’omogeneizzatore.

5.  Proseguendo con lo svezzamento possiamo aumentare la varietà delle pappe. Dai 7 mesi in poi si possono inserire i legumi da alternare alle altre proteine. Si possono utilizzare lenticchie decorticate o piselli spezzati in modo da poterli passare nell’omogeneizzatore senza bucce.

Per inserire alimenti come uovo o pomodoro di solito molti pediatri consigliano di aspettare che il bambino compia almeno l’anno di vita.

Se il bambino è allattato al seno comunque l’alimentazione è già completa e lo svezzamento sarà un modo per iniziare a prepararlo per la crescita. Per i bambini che non possono essere allattati o per motivi di allergie non possono assumere il latte artificiale, ma latte di soia di riso di mandorle o altro occorrerà prestare maggiore attenzione ed essere costantemente in contatto con il pediatra per poter garantire il giusto apporto nutrizionale al bambino.

Ovviamente sia che si decida di optare per uno svezzamento classico oppure uno svezzamento naturale o autosvezzamento,  l’importante è aiutare in questo percorso il nostro bambino, cercare di essere pazienti, comprensive e assecondare le esigenze e i gusti dei nostri bambini!

Leggi anche: Svezzamento 5 cose da sapere

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT