Le vostre Storie

Le interviste: Martina Gregori. Puericultrice

on
23 Maggio 2018

A volte sembra che con i nostri bimbi stiamo sbagliando tutto riguardo l’educazione.

Ed è per questo che molte persone per farsi aiutare si rivolgono agli esperti.

Ma ad oggi ancora molte persone si ritrovano ad avere paura.

Paura a chiedere aiuto, vergogna nel non riuscire da soli e paura di essere giudicati.

 

Puericultrice

Eppure c’è una figura presente  dal 1940 che può essere utile nell’insegnare al genitore, alcuni piccoli  consigli che si possono rivelare molto utili nello sviluppo dei nostri figli.

Per questo abbiamo intervistato Martina Gregori, Tata Puericultrice che collabora con il progetto educazione 3.0 che ci racconterà un  po la sua storia e alcune chicche suo lavoro.

 

Perché hai scelto il mestiere della puericultrice?

Quando ero piccola all’età di 5 anni il mio film preferito era Mary Poppins e all’età di 10 lo divento Patch Adams e già allora capii che nella vita il mio più grande desiderio era quello di fare qualcosa di più con i bambini!

Crescendo non mi bastava l’idea di poterli vedere ed educare 5 ore al giorno in asilo! Volevo qualcosa che mi coinvolgesse a 360 gradi nella vita di quei piccoli bambini meravigliosi!

Così decisi di formarmi come Tata e puericultrice di professione!

Dedicando tutto il mio tempo nella cura e nella crescita psico fisica dei bambini che mi venivano affidati!

Poterli prendere a qualche giorno di vita o addirittura il giorno stesso che nascono e accompagnarli per i primi 3anni di vita è una sensazione che ancora oggi dopo quasi 8 anni di lavoro non ti so spiegare!

 

Che bella storia! Si sente dalle tue parole l’amore che hai per i bimbi! martina ti volevamo chiedere quale è l’errore che ogni genitore fa nell’ istruire il proprio figlio? E come lo si puo evitare?

Non c’è un unico e solo errore che i genitori commettono nel educare i propri figli. Ce ne sono diversi ma prendiamo in considerazione quelli che mi trovo a risolvere più spesso:

I confronti o competizioni

Come genitori è buona norma evitare delle competizioni con altri genitori ogni bambino ha delle capacità rispetto gli altri ma ognuno con il tempo maturerà il suo successo.

Non fate i confronti non aiuterà il vostro bambino piuttosto in caso di errori specie a scuola anziché sgridarlo chiedetevi qual è il motivo,aiutatelo a migliorare sempre di più e ricordate che sbagliando si impara.

Acconsentire a tutto

Il secondo errore molto comune che fa la maggior parte dei genitori fa è quello di fare promesse ai loro bambini e di non poter mai riuscire a negarli nulla,i genitori non devono sempre consentire alle loro richieste ho capricci.

Infatti non è vero che le cose materiali donano sempre la felicità.

 

 

Grazie Martina! Visti questi aspetti spiegaci: Perché è importante chiedere aiuto nella gestione del bambino? È fondamentale chiedere aiuto nella gestione dei bambini in circostanze della vita particolari come periodi di forte stress lavorativo, fisico mentale, dovuti a divorzi,licenziamenti eccetera.

In quanto il genitore già provato difficilmente sarà in grado di far fronte alle sue necessità e quelli sempre maggiore del proprio figlio. Oppure in quelle fasi di passaggio che caratterizzano le diverse fasi dello sviluppo del bambino.

Tali passaggi comportano un cambiamento interno del bambino e può essere difficile per il proprio genitore comprendere necessità del proprio figlio ecco perché chiedere aiuto ad un esperto potrebbe fare la differenza portando ottimi risultati sulla qualità dello stile di vita.

Il vostro progetto, Educazione 3.0 e veramente molto interessante! Da cosa Avete tratto spunto?

Per rispondere a questa domanda ti lascio il nostro video di presentazione.

In più ti presento il nostro team.

Composto da me, Martina Gregori tata puericultrice,

Riccardo Turreni,  Fondatore del progetto e Parent Coach

Fabio Beretta, Coordinatore di percorsi di educazione musicale.

 Grazie Martina! sei stata Gentilissima! Ti facciamo un ultima domanda. Un consiglio per le mamme disperate con il loro bambino

Mamme parola d’ordine Routine!

Dare e creare una routine giornaliera e notturna regolare porta serenità e benessere sia al bambino che alla mamma!

I bambini se hanno la giornata scandita da orari e attività saranno molto più gestibili e voi potrete ritagliarvi dei momenti per rilassarvi, come ad esempio una bella doccia rilassante mentre loro faranno il riposino nel momento prefissato per farlo!

Fidatevi le mamme che provano la routine non tornano più indietro sopratutto perché porta benefici anche nel sonno notturno dei bambini!

 

 

 

 

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT