Senza categoria

Come compilare il curriculum vitae

on
11 Luglio 2018

Sappiamo che non è semplice trovare lavoro e magari sei demoralizzata hai inviato centinaia di curriculum senza ottenere risposta, non disperarti, forse stai commettendo qualche errore e puoi sicuramente rimediare.

Scommetto che hai scaricato il modello europeo e ti sei limitata a compilarlo: ecco uno sbaglio!

Il curriculum vitae europeo a mio avviso è un modello mal fatto: i dati sono esposti in modo confuso, la grafica è pessima.

  • Il cv europeo lo usano tutti (o quasi)!

Immagina mentre un selezionatore legge il tuo curriculum, magari una persona che si trova sulla scrivania decine se non centinaia di cv ogni giorno, il tuo sarà uguale a quello di tutti gli altri e sarai subito messo insieme a questi. Non ti nego che molte volte si lasciano da parte, per leggere quelli più accattivanti.

 

 

 

 

 

 

 

  • Il curriculum vitae è il tuo biglietto da visita per ottenere un colloquio

Nel tuo curriculum vitae non devi scrivere tutto quello che hai fatto nella vita, ciò che scrivi serve a stimolare la curiosità del selezionatore che legge, devi stupire e insinuare il desiderio di conoscerti. Mi permetto di consigliarti di evitare un curriculum denso di informazioni inutili, concentrati invece sul contenuto: breve, di qualità e molto persuasivo, una pagina, massimo due in tutto.

 

  • Metti in evidenza il tuo nome e i tuoi riferimenti

Scrivi il tuo nome e cognome in grande e bene in vista, il tuo nome dovrà essere ben visibile, ovviamente senza esagerare. Controlla i tuoi contatti, chi legge deve trovare immediatamente il tuo numero di telefono o la tua e-mail, e mi raccomando verifica l’esattezza dei riferimenti.

Mi è capitato di non poter fissare appuntamenti per un colloquio proprio perché mail o cellulari erano errati, mentre il curriculum perfetto!

Eviterei contatti fantasiosi, ma un indirizzo mail semplice e credibile: devi dimostrare la tua professionalità

 

 

  • Foto sì? Foto no?

Se decidi per il sì dovresti mettere una foto in linea con il tipo di mansione che vuoi svolgere, cerca di evitare immagini troppo scure o sovraesposte e soprattutto evita fotografie in contrasto con quanto hai scritto nel tuo curriculum. Per scrivere un curriculum efficace, devi sapere che la foto è un fattore decisivo, se non ne hai una più che pertinente è meglio non metterla.

  • Valorizza le tue competenze in base alle esigenze del possibile datore di lavoro

Hai un curriculum standard che utilizzi per qualsiasi offerta o autocandidatura?

È rischioso sai…ogni candidatura dovrebbe essere personalizzata valorizzando le competenze che possono attirare l’attenzione del tuo potenziale datore di lavoro. Chi lo legge dovrà pensare che assumerti sia la scelta giusta da fare, non inserire esperienze che non c’entrano nulla con il lavoro per cui ti proponi, viene percepito come poca accuratezza.

 

 

  • Revisiona il curriculum

Rileggi il tuo curriculum più volte, non ci devono assolutamente essere errori ortografici né grammaticali, metti in grassetto i concetti più importanti, taglia il superfluo e riduci all’essenziale il contenuto.

Utilizzare un aspetto grafico accattivante è indispensabile per attirare l’attenzione del lettore.

Prova ad immaginare di ricevere un cv piatto, con la solita foto e una interminabile lista di lavoretti poco interessanti, senza sottolineature o grassetti che esaltano le tue esperienze più importanti, non saresti portato anche tu a scartarlo?

Avere un curriculum vitae efficace è l’inizio, ovviamente la differenza la farai tu nel momento del colloquio, che va giocato al massimo delle tue possibilità.

Se vuoi inserire nel curriculum le tue attività, passioni e hobby, scrivili come integrazione alle tue competenze.

Ad esempio, ricordo di una volta che la mia agenzia fu incaricata di cercare Addetti pulizie facciata esterna della Mole Antonelliana, la scelta fu facilitata laddove nei curricula esaminati veniva citato l’alpinismo. Inconsciamente si preferirono rispetto ad altri perché si pensò che essendo già abituati ad altezze non ci sarebbero stati problemi

Spero di esserti stata d’aiuto con questi brevi consigli e non mi rimane che augurarti una buona ricerca!

Work Mum Coach

TAGS

LEAVE A COMMENT